Il Calendario dell’Avvento letterario #24: buon Natale, Raymond

rosso intenso 2

Questa casella è scritta e aperta da Mariateresa di Casa di ringhiera

popup

Ricordo benissimo la prima volta che ti ho incontrato. Te ne stavi lì, con le tue parole troppo semplici e risolutive. Io ti guardavo, ma non capivo. Forse non ero pronta. Poi ricordo ancora meglio quella sera. Tu eri sempre lo stesso, semplice e risolutivo, solo che nel frattempo io ero cambiata. Mi sentivo tanto sola, anche se al di là della parete si teneva una partita a carte molto affollata e molto alcolica. Sentivo solo il bisogno di essere compresa.

Mi ero sdraiata sul letto, la luce della lampada da tavolo accesa e una sigaretta nella mano sinistra. Poi ho pensato a te. Vedi Ray, io ti avevo sottovalutato completamente.

Pensavo che quel tuo essere così semplice e risolutivo fosse solo mancanza di parole. Pensavo che nella notte di Natale non ci si dovrebbe sentire mai così tristi e inadeguati. Pensavo che “che cazzo avranno questi da ridere così di gusto?” Pensavo che io a carte non ci so neanche giocare. Pensavo che in fin dei conti al mio dolore nessuno ci stesse facendo davvero caso.

Così ti ho visto entrare nella mia testa, nei miei occhi, nel mio cuore temporaneamente pietrificato dall’ennesima delusione. Era come se ti avessi lì, di fronte a me, pronta finalmente a farti tutte quelle domande che mi tormentavano da una quantità indefinibile di mesi, giorni, minuti. Ti lessi tutto d’un fiato, chiusi il libro e lo abbracciai così forte da farmi salire due lacrimoni spaventosamente reali. Non credevo fosse possibile, dopo essermi costruita l’ultima corazza di ghiaccio e pietra, sentirmi di nuovo vulnerabile.

Dopo credo di essermi addormentata, ti ho sognato mentre mi leggevi Da dove sto chiamando ed io ridevo e ti dicevo che prima dovevi chiamare tua moglie, anche se quello avrebbe significato correre il rischio di non ricevere risposta. Che la vita è tutta lì Ray, nel rischio di una non risposta.

ray

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s