Il Calendario dell’Avvento letterario #13: il Natale di Effi Briest

rosso intenso 2

Questa casella è scritta e aperta da Caterina di Letture in viaggio

effi

Un altro Natale a casa Innstetten. Un Natale come gli altri, si direbbe, se non fosse per la malcelata inquietudine di Effi. Le lettere e i regali dai genitori, i versi augurali del caro Gieshübler, una cartolina dal cugino che vive a Berlino e le piccole gioie della vita familiare: la bambina vestita a festa che tende le mani verso le luci dell’albero di Natale, un marito “lieto e di buon umore”, un ambiente tranquillo. Un quadro rassicurante.

Effi, però, si sente oppressa. Ride e parla, ma il suo animo non è sereno. Il barone Innstetten se ne accorge e le chiede il motivo dell’inquietudine. La moglie, che non sa bene con chi prendersela, se con sé stessa o con il marito, risponde di non meritare la bontà di chi le è affezionato. Lui la invita a non farsi tali crucci perché “non si riceve che quello che ci si è meritato”.

Che l’abbia detto apposta? Fatto sta che l’unico a non averle mandato gli auguri è il maggiore Crampas: i complimenti di quell’uomo, noto Don Giovanni, la intimoriscono, ma la sua indifferenza la mette di cattivo umore. A Kessin c’è la neve e per il giorno seguente è stata organizzata una gita in slitta a Uvagla, a casa dei Ring. Effi sa che, oltre al pastore Lindequist, Gieshübler, il signor Hannemann e Papenhagen, anche Crampas sarà dei loro.

L’inevitabile è ormai vicino.

blaaaaaa

Effi Briest è la storia di un adulterio dalle conseguenze tragiche.

Quando ripenso a questo romanzo, la mia mente va subito a quell’ingenuo ed eloquente “Effi, vieni!” pronunciato da una delle amiche di Effi poco prima dell’inaspettato fidanzamento con il barone Innstetten, di vent’anni più grande di lei.

“Effi, vieni!” è il richiamo della spensieratezza e della giovinezza, di uno stato di grazia che sta per abbandonare la protagonista, e non fa presagire nulla di buono. Fontane, con grande maestria, ci prepara agli eventi, lasciando fra le pagine del romanzo segnali inequivocabili.

ef

Nel (poco) rassicurante quadretto natalizio vedo una sorta di spartiacque. Da lì in poi gli eventi precipitano. L’inquietudine di Effi ha raggiunto l’apice. Le sue ultime resistenze stanno per sciogliersi come neve al sole. Forse aveva ragione Gieshübler nell’affermare che “il maggiore ha in sé qualcosa di violento, che toglie alle persone la loro forza di volontà”.

Pubblicato a puntate tra il 1894 e il 1895 sulla rivista Deutsche Rundschau, Effi Briest è un ritratto preciso e veritiero della società prussiana di fine ‘800 e riscosse subito un grande successo.

Fontane non inventò tutto di sana pianta, ma si ispirò alla vicenda di una donna berlinese conosciuta nel salotto di Emma Lessing, moglie del proprietario della rivista Vossische Zeitung.

Il suo nome era Else von Ardenne, moglie del barone Armand von Ardenne. Proprio come Effi ebbe una relazione con un altro uomo, Emil Hartwich, un giudice di Düsseldorf; proprio come Innstetten il marito della donna scoprì le lettere dei due amanti, sfidò a duello Emil Hartwich, uccidendolo, e ripudiò la moglie.

Il 25 dicembre 1919, sul Berliner Tageblatt, compare un articolo dello scrittore tedesco Thomas Mann. L’occasione è il centenario della nascita di Theodor Fontane (30 dicembre 1819-20 settembre 1898). Mann è un grande ammiratore di Fontane, e di Effi Briest scrive: “una biblioteca della letteratura romanzesca basata sulla scelta più rigorosa — e dovesse anche restringersi a una dozzina di volumi, a dieci, a sei — non potrebbe essere priva di Effi Briest. Non si usa forse dire che nessuna costruzione prodotta dalla mano dell’uomo è perfetta? E invece, per quanto si possa essere propensi ad esortare gli uomini alla modestia, l’affermazione è sbagliata, la cosa perfetta esiste: sognando, l’uomo che è artista ogni tanto la produce”. E Fontane, secondo Thomas Mann, l’aveva prodotta.

Curiosità

Una chicca per gli appassionati di viaggi letterari: sapete che Fontane visse a Berlino per molti anni? E sapete anche che prima di diventare scrittore a tempo pieno era anche un farmacista? Bene: a Mariannenplatz 2, nel distretto di Kreuzberg, c’è l’edificio che un tempo ospitava l’ospedale Bethanien.

berlin

Oggi si chiama Kunstraum Kreuzberg ed è un centro per l’arte contemporanea, aperto tutti i giorni dalle 11 alle 20 e visitabile gratuitamente. Al suo interno, al piano terra, c’è un luogo speciale: la farmacia dove, tra il 1848 e il 1849, prestò servizio Theodor Fontane. È stata restaurata ed è aperta dal martedì al giovedì, dalle 14 alle 17. L’ingresso è gratuito e le visite guidate sono possibili su prenotazione.

Da me, Berlino, Effi e Fontane per quest’avvento letterario è tutto. Cari lettori, vi auguro un Natale supercaliragilistichespiralibroso.

Advertisements

6 thoughts on “Il Calendario dell’Avvento letterario #13: il Natale di Effi Briest

  1. Luca says:

    E io che ho sempre pensato che “Effi Briest” fosse un saggio filosofico… 😀 Adesso sono proprio curioso di leggerlo, anche perché mi sento attratto d romanzi di questo genere.
    Ti auguro uno splendido pomeriggio. 🙂

    Like

  2. Raffy says:

    Effi Briest è strettamente legata ai miei primi passi nello studio del tedesco, le sono affezionata e ho sempre provato molta tenerezza, mista a pena, per queste eroine che non si arrendono alla loro infelicità e cercano di ritagliarsi un piccolo angolo di Paradiso, senza però riuscirvi fino in fondo, ma anzi arrivando anche a subire le tragiche conseguenze delle loro azioni

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s