Cartoline da Barcellona, con un’inviata speciale

Queste cartoline virtuali ci arrivano direttamente dalla bellissima Barcellona grazie ad Irene di LibrAngolo Acuto, da poco trasferitasi nel cuore della Catalunya e già alla scoperta di passeggiate letterarie e librerie da visitare mentre ci si perde in quella meraviglia che è l’architettura di Gaudí.

Buona passeggiata nelle Barcellona di Irene!

libreria-italiana-bcn

Libreria italiana Le nuvole, Barcellona

 

 

Non sono una persona metodica. O meglio, mi piace pensare di non esserlo. Eppure, arrivata ai trent’anni, ho capito che ciò che nella vita avevo sempre cercato apparteneva, in un modo o in un altro, a quelle che chiamo le mie comfort zone.

Mi piace pensare a me stessa come una persona creativa, completamente priva di interesse verso ciò gli altri pensano di me, libera da inutili e noiosi schemi mentali, con un’intelligenza fuori dagli schemi. Sebbene mi opponga strenuamente alla ricerca della comfort zone, alla fine cedo sempre. Si tratta di una ricerca che non mi rendo conto di attuare: è un po’ come se le mie gambe mi portassero da qualche parte autonomamente, come se il mio cervello scegliesse in automatico su cosa focalizzarsi, come se le mie mani afferrassero, di propria sponte, un libro di Anne Tyler quando ne ho più bisogno.

Accade, quindi, che mi accorga solo dopo di essere nel bel mezzo di una delle mie, non esattamente numerose ma quasi, comfort zone.

Questo mi succede anche quando viaggio, ovviamente. Non che io sia la classica tipa da stessa spiaggia stesso mare, questo no. Il tutto, in realtà, consiste piuttosto nel cercare una parte di me nel luogo in cui mi trovo in quel momento.

Questo è esattamente ciò che ho fatto, forse un po’ inconsciamente, non appena sono arrivata a Barcellona: ho cercato una parte di me, una cosa alla quale potessi aggrapparmi per non sentirmi totalmente sola in una città a me estranea.

Ho passeggiato su quella meraviglia che è Passeig de Sant Juan, un viale alberato talmente tanto mozzafiato che, davanti alla sua bellezza, al tramonto di una domenica, mi sono commossa. Ebbene, avevo scelto di provare a vivere qui, in questo posto, in una casa proprio su questa via, con le panchine dove i ragazzi leggono al sole, con le aree giochi dove i padri portano i figli, con gli anziani che giocano entusiasti a improbabili tornei di bocce.

E una piccola parte di me l’ho subito incontrata quando ho incrociato la fontana con Cappuccetto Rosso, che se ne stava lì, ferma e immobile, e sembrava che mi stesse aspettando.

Poco distante da lì, a circa una decina di minuti di cammino, Passeig de Sant Joan si trasforma per lasciare il posto al quartiere Gràcia, nel cuore del quale si trova la libreria italiana Le nuvole. Quale miglior comfort zone, se non una libreria italiana?

Le nuvole ha festeggiato i suoi cinque anni dall’apertura proprio lo scorso 23 settembre e, mi tocca dire, se li è davvero meritati perché non è semplicemente una libreria.

Cecilia e Valentina, infatti, non sono libraie qualunque. La loro libreria ospita sì i libri, ma anche gruppi di lettura, lezioni d’italiano, presentazioni di libri, reading e piccole finestre sulla cultura italiana.

Varcare la soglia è stato come fare un piccolo salto e ritrovarsi direttamente trasportati a casa.

L’aria che si respira, complice anche l’originalità dell’arredamento, è senza ombra di dubbio armoniosa e accogliente.

Inoltre, è anche un ottimo punto d’appoggio per gli italiani che si trovano a Barcellona da poco. Non solo, infatti, è possibile ritrovarsi con i propri connazionali, ma si può anche chiedere un consiglio per lasciarsi dietro le paure e iniziare a leggere in lingua (spagnola o catalana) perché all’interno della libreria si trovano anche alcuni titoli in lingua.

 

gigamesh2

Libreria Gigamesh, Barcellona

 

Durante i miei primi giorni a Barcellona ho quasi esclusivamente camminato senza meta. Un po’ era sicuramente dovuto alla necessità di scoprire che cosa la zona dove abito avesse da offrirmi, un po’, invece, era semplicemente voglia di guardare i meravigliosi palazzi liberty (di cui Barcellona è ricca) e ammirare le loro splendide finestre colorate.

Senza sapere bene in che modo – e di questo devo sinceramente ringraziare la mia totale assenza di senso dell’orientamento – mi sono ritrovata in Carrer Bailén.

Carrer Bailén è lunga, anzi, lunghissima e davvero non riesco a ricordare in che modo io sia arrivata dalle parti della Librería Gigamesh.

Uno sguardo veloce alla vetrina e mi ero già innamorata: impossibile, per chi ha una passione per il fantastico e il fantasy (e per chi ne fa una comfort zone, come me), non rimanere letteralmente incantati da questo posto. Dico seriamente. Dieci giorni a Barcellona e la Librería Gigamesh mi ha fatto venir voglia di imparare lo spagnolo il prima possibile, così da poter diventare – come minimo! – cliente abituale. Non sto esagerando: 500 metri quadrati dedicati interamente al fantasy e alla fantascienza, con giochi di ruolo, action figures e carte collezionabili. In una sola parola: genial!

gigamesh4

Libreria Gigamesh, Barcellona

Non so ancora se Barcellona potrà mai diventare una delle mie comfort zone e non so neanche se, un domani, smetterò di cercare una parte di me qui. So solo che, tutte le volte che passeggerò su Passeig de Sant Joan, mi sentirò a casa mia.

gigamesh1

Libreria Gigamesh, Barcellona

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s