Un’ora con…Michele Orti Manara di Nepente

MOM

Nepente

  1. s. m.
    a. Nome dato dagli antichi Greci a una prodigiosa bevanda, estratta da un’erba proveniente dall’Egitto, cui si attribuiva la virtù di lenire il dolore e dare l’oblìo dei mali.
    b. In senso estens. e fig., qualsiasi bevanda o altro rimedio, anche affettivo o spirituale, che dia sollievo alle pene.
  2. s. f. In botanica, genere di piante (lat. scient. Nepenthes) della famiglia nepentacee, che comprende una settantina di specie paleotropicali in grado di catturare e digerire insetti.

Questo è l’incipit della pagina in cui Michele Orti Manara, il blogger che oggi coraggiosamente va a rimpolpare le esigue quote blu di Un’ora con, spiega il perché del suo blog, e a me fa sorridere ogni volta che la leggo. Che lo si voglia vedere come pianta carnivora o panacea delle pene dell’anima, l’aggettivo a cui collego il blog di Michele è witty: sarcastico, ma di quel sarcasmo intelligente e tagliente, con una punta piccante di provocazione. Nepente è un contenitore di citazioni, pensieri, appunti, playlist, immagini, video e racconti scaturiti dalla penna di Michele, che ha già pubblicato diverse raccolte (o librini, come li chiama lui: qui maggiori dettagli)..

Da una Greyville piovosa e fredda come sempre (si, 11 gradi a fine luglio sono una triste realtà) passo la parola al nostro coltivatore di nepente preferito.

MOM2

1) Nepente: come e perché?

Dunque, per certi versi Nepente nell’anno 2015 non avrebbe senso di esistere. Molta della roba pubblicata lì potrebbe stare comodamente – e molto spesso sta – su Facebook o su Twitter. Però mi piace l’idea di avere uno spazio mio, indipendente dalle scelte umorali di Zuckerberg e soci. Uno spazio, ad esempio, dove poter pubblicare L’origine del mondo di Courbet senza che qualche anima pura si senta offesa, lo segnali e lo faccia cancellare per, ehm, oscenità. Il blog è un po’ come il romanzo: tutti a dire “è morto è morto!” ma quello, testardo, in qualche modo sopravvive.

2) Chi c’è dietro Nepente?

 Solo io, e litighiamo spesso 🙂

3) Il tuo scaffale d’oro

 Mmm, domanda difficilissima. Diciamo che il mio scaffale d’oro ha una sola caratteristica: cambia continuamente. Dai dieci ai tredici anni, per dire, ho letto quasi solo Agatha Christie, dai tredici ai quindici quasi solo King, Poe e Lovecraft. Oppure, per anni sono stato convinto, per un pregiudizio idiota venuto da chissà dove, di non amare la letterature sudamericana. Poi ho iniziato a leggere Borges, Bolaño e Cortázar e non ho più smesso. Insomma, è banale dirlo ma i gusti cambiano, e lo scaffale d’oro con loro.

4) Un personaggio in cui ti immedesimi particolarmente

 Dice un personaggio di Alan Bennett che più leggi, più capisci che in realtà la letteratura parla sempre di sfigati.

Ora, non so se c’entri l’immedesimazione, ma io ho un debole proprio per i personaggi un po’ dimessi e sfigatelli, alla Pnin o Bartleby; quelli che nella vita reale sbiadiscono ai margini, e invece in un romanzo o in un racconto diventano protagonisti. Ecco, diciamo che amo questa sorta di riscatto letterario della sfiga.

5) Se il tuo blog fosse una canzone..

Una canzone non saprei; però, considerato che contiene citazioni tratte da libri molto diversi tra loro, e racconti brevi miei, e pensierini più o meno scollegati – insomma, considerato che è un gran casino – potrebbe essere un album dei Mr Bungle.

6) Il tuo rapporto con la scrittura/con la lettura

 Con la scrittura, in una parola, discontinuo. Quando leggo di gente in preda al prepotentissimo “demone della scrittura” provo una punta di invidia, perché a me quel demone lì non mi tormenta mai. Con la lettura invece il rapporto è quotidiano e molto soddisfacente. Credo siano almeno vent’anni che non vado a dormire senza aver letto qualche pagina di narrativa o un fumetto.

7) Progetti in cantiere

 Nepente è in buona salute, speriamo la conservi. Per il resto, dopo l’estate dovrebbe uscire un romanzo breve, sto scrivendo un paio di racconti nuovi, e poi vediamo che succede.

Advertisements

One thought on “Un’ora con…Michele Orti Manara di Nepente

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s