Strade

21ac5608c6edd2db06839f72b582901d Non ho senso dell’orientamento. Mi perdo in continuazione. Le mie peggiori nemiche sono le fermate della metropolitana con mille uscite su strade diverse: perdo l’uscita, non riconosco i dintorni, mi perdo. Imparo a memoria il percorso, per essere libera di leggere, ascoltare musica, sognare a occhi aperti, giocare a Ruzzle, pensare.

È un esercizio di ripetizione, un allenamento di vuoti a perdere, un balletto, una coreografia da ripetere pedissequamente, minuziosamente: casa – fermata della metro – un’occhiata al pannello della direzione – sei fermate – scorciatoie – ufficio. Oggi è bastata un’uscita della metro chiusa per lavori a distruggere tutto il processo. Senza nemmeno rendermene conto, sono uscita dalla parte opposta e ho continuato a camminare, Bruce Springsteen nelle cuffiette, il sole, la giornata fredda ma straordinariamente limpida, pulita. Ho camminato finché mi sono resa conto che sarei arrivata in ritardo alla mia lezione di portoghese; allora mi sono affidata a Google maps, che mi ha trascinata per un dedalo di stradine secondarie, nascoste. Sapevo che stavo allungando inutilmente il percorso, ma ho continuato a camminare – destra, sinistra, alla rotonda la seconda a destra,The river, Hungry heart, Thurder Road, I’m on fire.

E ho pensato che questo camminare è un po’ come vivere (a orecchio, improvvisando) e che non c’è Google maps che possa interpretare le ragioni del cuore (sostiene Pereira), dirimere i desideri più reconditi, separare i pro dai contro, fare una raccolta differenziata dei propositi (raggiungibili, utili, auspicabili, pericolosi, distruttivi), studiare l’anatomia di una passione, spegnere la ragione e accendere l’istinto. E ho pensato che ci muove al buio, a tentoni, alla cieca, e che l’intrico di stradine altro non è che il labirinto delle ore, dei giorni, delle settimane: percorsi spazio-temporali che spesso appaiono come vicoli chiusi.

E mi sono venuti in mente questi versi di Raymond Carver:

The nights are very unclear here.

But if the moon is full, we know it.

We feel one thing one minute, something else the next.

(Qui le notti sono molto offuscate/Ma se c’è la luna piena, ce ne accorgiamo. /Proviamo qualcosa per un attimo, l’attimo dopo è qualcosa di diverso).

E ho pensato che qui le notti sono veramente buie, e che è difficile vedere la luna o le stelle; ma quando non si sa dove andare, i giorni non sono poi tanto diversi, avvolti da una nebbia fitta, imperscrutabile. Una nebbia che spesso impedisce di riconoscere quello che si prova, lo rende liquido, confuso, cangiante.

E in questo andare si incontrano passanti. Alcuni ci sfiorano appena la spalla, frettolosi. Altri toccano la nostra vita per un attimo o per sempre, in modi misteriosi e insondabili, e lasciano il ricordo delle loro spalle mentre si allontanano, la loro ombra, le loro orme, il loro profumo, un desiderio, un rimpianto. E si continua a camminare, con o senza navigatore, senza un’idea chiara del percorso, o della destinazione. E si spera nel meglio. Soundtrack: Strade, Subsonica

15 responses to “Strade”

  1. Sempre colpa di Bruce!

    Like

    1. esatto Marta..e comunque..
      baby we were born to run!

      Liked by 1 person

  2. Questo spazio prima era bello ma ora è meraviglioso *-*

    Like

    1. grazie Vale*
      Sto ancora cercando di destreggiarmi (come sai, sono una vecchia romantica, e la mia finestrella su blogger mi manca già..ma era tempo di cambiare)
      Un bacione*

      Like

  3. perdersi così è splendido però 😉

    Like

    1. In effetti si: sicuramente aiuta a mettere un po’ in ordine pensieri confusi 🙂

      Liked by 1 person

      1. Già. Dovremmo perderci tutti almeno ogni tanto

        Like

  4. il problema è poi ritrovarsi, caro Michele..
    Conosci la (bellissima) poesia di Elizabeth Bishop, L’arte di perdere?

    Like

  5. Bel post e bel blog. Complimenti…

    Nel corso dei miei viaggi in autobus/treno/auto in giro per l’Italia ho ascoltato molte volte e per intero Nebraska.
    È il mio album preferito tra quelli di The Boss ed è il mio disco per la strada
    Scusa l’intrusione.
    Ciao!

    Liked by 1 person

    1. le intrusioni sono più che gradite :)
      devo ammettere che mi sono avvicinata al Boss solo di recente (sono più una tipa da Leonard Cohen, per intenderci), ma per ora sembra l’inizio di una storia d’amore davvero promettente tra me e Bruce 🙂

      Liked by 1 person

      1. Allora ti saluto con un suggerimento triplice. Accanto alla lettura di Furore di Steinbeck ed alla visione dell’omonimo film di John Ford, aggiungi l’ascolto di The Ghost of Tom Joad del nostro amato Springsteen. Tra l’altro questo disco fa pensare parecchio a Nebraska
        Ciao!

        Like

      2. I corsivi sono partiti per la loro strada, abbi pazienza…

        Like

  6. che carino, grazie mille dei suggerimenti*

    Liked by 1 person

  7. Avevo pensato proprio a Strade dei Subsonica.

    Liked by 1 person

    1. Ci sono periodi in cui mi capita di sentirmi un po’ persa, e Strade diventa una soundtrack ideale

      Like

Leave a Reply to Michele Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: