Un’ora con…Valentina di Bellezza rara



Dopo la chiacchierata con Giulia di The Blooker e quella con Alessandra di Una lettrice, questa mi sta particolarmente a cuore, perché Valentina l’ho effettivamente conosciuta e vista due volte in quel di Greyville, e ho quindi avuto modo di toccare con mano la sua freschezza, il suo entusiasmo, la sua passione per le cose che dice, che scrive, che fa. Perché incontrarsi nel mondo virtuale offre possibilità pressoché infinite, eliminando limiti spazio – temporali, ma non può sostituire una chiacchierata davanti a coca-cola e insalata durante la giornata più piovosa del luglio più piovoso della storia 😉

Genesi ed evoluzione di Bellezza rara

Valentina ha creato Bellezza Rara nel 2010, mossa dal desiderio di parlare di bellezza, soprattutto della bellezza trovata nei luoghi visitati prima di diventare mamma, nel corso dei suoi viaggi di lavoro.

Per due anni è stato uno spazio che Valentina riempiva sporadicamente con una manciata di post, principalmente sulle sue città del cuore, New York e Lisbona, che hanno messo prepotentemente radici nella sua memoria (e il terzo post su Bellezza rara, La mia New York, fa venire voglia di abbandonare tutto, fare la valigia e partire per la Grande mela, guardandola con gli occhi innamorati di Valentina).

Poi, a marzo 2012, in seguito a un momento difficile in ufficio, ha scritto il primo post molto personale, in cui parlava del rapporto famiglia-lavoro. Bellezza Rara ha così fatto un primo ingresso nel territorio del mommy – blogging. Valentina stessa non sa se definirlo propriamente un mommyblog, o, almeno, non sa più se definirlo così, dato che più passa il tempo più si sente in imbarazzo quando parla di sua figlia, che ora ha cinque anni e una sua personalità da rispettare e tutelare. Per questo motivo, da un po’ di tempo, Valentina preferisce scrivere quasi esclusivamente delle sue esperienze e dei suoi ricordi.

(Mia personalissima opinione off the record: Bellezza rara è molto più di un mommyblogo un blog di viaggio: è un contenitore di storie scritte col cuore, di dichiarazioni d’amore a Torino, di ricordi al sapore di Lisbona, di New York e di nostalgia, di bellissime lettere che Valentina scrive a G., la sua nana riccioluta. Ecco, per esempio un paio di giorni fa ho letto questo post, e mi sono commossa, perché in poche righe ho trovato tutta la bellezza che cercavo.).

Bellezza Rara è Valentina. È tutto ciò che ha dentro. Ricordi, sogni, passioni. Ed è soprattutto quell’impulso irrefrenabile di scrivere che ogni tanto sente e che non può non assecondare.

 

Lo scaffale d’oro di Valentina

Il bar delle grandi speranze di JR Moheringer

Fiestadi Ernest Hemingway

La stradadi Cormac McCarthy

Un amoredi Dino Buzzati

Un uomodi Oriana Fallaci

Dice Valentina del suo rapporto con la lettura:

Quando ero al liceo classico divoravo i libri di Oriana Fallaci e sognavo di diventare quel tipo di donna: coraggiosa, anarchica e forte. Sognavo di diventare una giornalista di guerra, ma soprattutto sognavo di essere la Fallaci di Un uomo: innamorata e pronta a lottare contro tutto il mondo per il suo uomo e per il suo amore. Poi ho scelto Economia e Commercio e una vita decisamente più tranquilla della sua, ma quel modo di vivere le passioni mi è rimasto nell’anima.

 

Se Bellezza Rara fosse una colonna sonora…

sarebbe di sicuro di Ennio Morricone, che Valentina adora.

In particolare, sarebbe quella di C’era una volta in America.

Se fosse una canzone…ma Bellezza Rara è una canzone! Il nome del blog deriva da una canzone brasiliana che la fanciulla ascoltava sempre ai tempi del suo Erasmus a Lisbona e che per lei è diventata sinonimo di felicità, spensieratezza, leggerezza.

 

Valentina e la scrittura

Valentina racconta storie. Storie che catturano attimi di bellezza (quella bellezza rara, appunto, che poi è titolo ed essenza del suo blog).

Ho chiesto a Valentina di raccontarmi un po’ come vive la scrittura, cosa significa per lei, qual è il suo rapporto con le sudate carte (o il sudato pc J):

Ho sempre amato scrivere, ma l’ho sempre ritenuta una passione e nulla più. Da qualche anno ho capito che anche lo scrivere ha le sue regole e soprattutto è una passione che va coltivata e arricchita, e quindi ho cominciato a frequentare corsi di scrittura e a leggere i grandi della letteratura dai quali vorrei imparare. Per me la scrittura è come l’amore con il quale decidi di costruire una famiglia: richiede passione e istinto ma anche tanto impegno.

E sui suoi progetti in cantiere:

Ho in cantiere un ebook che uscirà a ottobre con Zandegù: sarà una guida turistica molto speciale. Diciamo che sarà una guida a un certo tipo di sentimenti 🙂

Poi ho in cantiere un romanzo che non so quando finirà, ma mi sta tenendo molta compagnia. Parla di Arturo e Sara, e del loro corto circuito un giorno di aprile.

E poi mi piacerebbe tanto scrivere qualcosa sulla mia città, Torino, che adoro fotografare e descrivere, ma non ho ancora ben inquadrato l’idea.

(N.B: Valentina scrive anche su #lamiatorino e riempie il suo profilo Instagram di foto meravigliose che mi fanno venire una voglia matta di scoprire questa meravigliosa città che, ahimè, non ho mai visitato).

Insomma, che aspettate? C’è tanto da leggere, e il tempo è sempre troppo poco 😉

PS: Un grazie speciale a Valentina che ha avuto il coraggio di venirmi a trovare nel mio ufficio sperduto in mezzo al nulla, sotto la tormenta.

PS2: Ecco un assaggio delle bellissime foto di Valentina, tra Torino, Stati Uniti e Portogallo.

 
 

 
 

 

Advertisements

5 thoughts on “Un’ora con…Valentina di Bellezza rara

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s