#LIBROSOSPESO: 7 racconti tibetani portati dal vento

Fino a che esisterà lo spazio
fino a che vivrà su questa terra un essere senziente,
fino ad allora, possa io rimanere
ed eliminare le sofferenze del mondo.
Tashi Tsering Lama

L’eclettica Alessandra, lettrice per professione e per passione, oltre ad avermi fatto conoscere innumerevoli #libribelli, mi ha introdotto in una nuova dimensione: quella dei libri sospesi. Un libro sospeso è un po’ come il caffè pagato in anticipo da un avventore, che pregusta già la gioia di colui che lo consumerà (magari qualcuno che se lo può permettere a malapena, magari qualcuno che ha dimenticato a casa il portafogli o è rimasto senza spicci, chissà: le possibilità sono davvero infinite).
Qualcosa di simile l’abbiamo fatto (a nostra insaputa) con un pugno di blogger, nell’ambito dell’iniziativa #letteredamore2013: abbiamo lasciato un libro in un luogo pubblico (parco, treno, fermata metro) con dentro una lettera, scritta a mano, indirizzata all’ignaro destinatario. Per diffondere l’amore per la lettura e chissà, incitare qualcun altro a scrivere lettere, d’amore e non.
Alessandra mi ha mandato un #librosospeso molto speciale, portato (quasi letteralmente) dal vento nella mia terra rossa, la Calabria, e trovato al mio rientro da Greyville: Portati dal vento – sette racconti tibetani.
E’ un libro di racconti che parlano di terre lontane: il Tibet e il Nepal. E’ un libro di leggende tradizionali e mitologia locale, dalle illustrazioni delicate e trasognate, la cui magia è capace di trasportare il lettore in mezzo a demoni e bellissime principesse, fantasmi e uomini furbi che prendono in giro la morte, profezie che si avverano, amici che si ritrovano dopo tanto tempo col rischio di perdersi, uccelli magici, dee e pipistrelli saggi.
Soprattutto, Portati dal vento nasce dal desiderio di dare un piccolo contributo umano, letterario, culturale e solidale ai bambini della “Tashi Orphan school” di Katmandu, fondata da Tashi Tsering Lama, monaco buddista costretto ad abbandonare il Tibet e a rifugiarsi, insieme a molti altri profughi, in Nepal. Qui ha fondato nel 2005 la scuola-orfanotrofio, in grado di ospitare fino a 150 bambini, educandoli all’amore, alla compassione, all’altruismo, al senso di responsabilità, al culto delle proprie origini e tradizioni attraverso l’insegnamento della lingua tibetana, di canti e danze tipiche.
Secondo Tashi Tsering Lama “é molto importante dare ai bambini un’appropriata istruzione, basata su valori etici e morali; non solo sarà utile a loro stessi, ma anche alla società e all’umanità intera: una mente compassionevole non porta solo gioia ma anche armonia a pace”.
 Portati dal vento è stato realizzato in collaborazione con Tashi T. Lama, la curatrice Laura Dotti e l’Istituto comprensivo statale “E. Morosini e B. Savoia” di Milano. Le splendide illustrazioni sono opera dei ragazzi del Morosini, i testi sono stati curati dalla prof.ssa Marcella Fusco. Nessuno ha guadagnato un soldo da questa pubblicazione, “a dimostrazione che il bene attiva il bene”, come scritto nei ringraziamenti.

Portati dal Vento – 7 racconti tibetani è in vendita a 15,00 €, in promozione a 12,00 € + spese di spedizione per chi acquista online. Il contributo raccolto viene devoluto alla Tashi Orphan School. Potete comprarlo qui.

Regalatelo, regalatevelo, e immergetevi nella sabbia rosa e oro delle sue storie, negli aromi di terre lontane, nella magia di leggende che altrimenti andrebbero dimenticate.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s