Le piaceva scrivere.

“I write because you exist.” – Michael Faudet”

Le piaceva scrivere.

Non è del tutto esatto: scrivere per lei era un imperativo categorico, un diktat morale, un appuntamento ineluttabile con la sua coscienza, un tête-à-tête col suo introverso e bizzarro mondo interiore.

Scriveva storie tenui, dai colori sfumati – spiagge bianche da lungo tempo dimenticate, occasioni perdute, momenti spezzati.

Scriveva del panico che spesso l’attanagliava, dell’insonnia che la teneva sveglia a combattere coi suoi demoni, delle persone che aveva perduto, della se stessa che aveva dimenticato.

Scriveva perché in fondo non era capace di viverla, la vita, e allora preferiva osservarla da fuori, da dietro il finestrino polveroso di un treno senza nessuna destinazione. Scriveva perché in fondo non era capace di viverlo, l’amore, un concetto astratto e intellettuale troppo elevato e ideale per potersi far sfiorare dalla prosa della quotidianità. E allora lo ritrovava nei romanzi russi, e lo relegava nelle poesie e nelle storie senza lieto fine.

Si sentiva in colpa quando non scriveva, perché evitava di guardarsi allo specchio, e quando lo faceva, perché non aveva il coraggio di scrivere tutta la verità. Perché la verità faceva male, spesso, e metteva a nudo, sempre, lasciandola inerme e indifesa come un pulcino bagnato.

Scriveva per raccontare storie.

Scriveva per raccontarsi storie (a volte, le proprie).

Scriveva per immaginare finali diversi.

Scriveva perchè mettere pensieri, emozioni, eventi nero su bianco svolgeva una funzione catartica, e la aiutava a mettere ordine.

D’altro canto, mettere le cose nero su bianco le faceva paura. Perchè diventavano reali. Perchè cominciavano a vivere di vita propria. Perché non si potevano piu’ ignorare: per quanto facessero male erano lì, indesiderate, incontrovertibili. Ineluttabili.

Non era facile scrivere di sè (c’era sempre l’imbarazzo delle prime persone) e scrivere di quelle poche, pochissime cose che le stavano veramente a cuore.

Non era facile scrivere di persone che l’avevano toccata fino a marchiarla, di eventi che la trascinavano verso il passato anzichè proiettarla verso il futuro (So we beat on, boats against the current, borne back ceaselessly into the past: così Fitzgerald conclude il suo Gatsby).

Sempre Fitzgerald aveva scritto: what people are ashamed of usually makes a good story. Le cose di cui si vergognava, di cui non riusciva a parlare, né tantomeno a scrivere, erano solitamente le storie più interessanti, più sofferte. Più autentiche. Più oneste. Più sincere. Più vere.

Scriveva senza perché e senza però, senza aspettarsi che qualcuno fosse interessato alle sue parole, ne’che le leggesse mai. Scriveva messaggi in bottiglia, affidandoli a maree nascoste, invisibili, misteriose.

Sperando qualcuno li trovasse, prima o poi.

 

Advertisements

2 thoughts on “Le piaceva scrivere.

  1. Valentina_Travel upside down says:

    what people are ashamed of usually makes a good story.

    Secondo me è vero, perchè gran parte delle storie e delle poesie derivano da esperienze sofferte delle persone! Anche lo stesso essere creativi secondo me s'intensifica quando si sta male o comunque c'è qualcosa che sta andando storto! Io stessa mi accorgo che l'arte e la creatività sono modi di affrontare quel “malessere”, c'è chi lo racconta e chi magari cerca di reagirvi contro rappresentando tutto l'opposto, come per es. un mondo bello e colorato. In qualsiasi caso, lo scrivere e il creare sono note positive, significa non lasciarsi travolgere completamente da eventi che non ci piacciono e elaborarli in qualcosa di bello 🙂

    Like

  2. Ophelinha says:

    mi trovi totalmente d'accordo. Guardavo il film su Frida Kahlo oggi pomeriggio, in previsione della mostra su di lei che andrò a vedere domani, e riflettevo su quanto le sue sofferenze fisiche e il suo rapporto travagliato con Diego Rivera abbiano influito sul suo modo di dipingere, di scrivere, di rapportarsi all'arte. Lo stesso dicasi di Sylvia Plath, che scrisse le poesie più sofferte e il suo unico romanzo nelle notti insonni dopo l'abbandono del marito Ted Hughes, in preda a una depressione che l'aveva in realtà perseguitata per tutta la vita. E sono solo alcuni esempi di come la grande arte nasca, a volte, da grandi sofferenze…o comunque esperienze estreme..

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s